Morte Viva



Il lavoro è “semplicemente” una costatazione.

 Viva Morte è un ossimoro (Già presente in Petrarca “O viva morte, o dilettoso male” scriveva Francesco Petrarca in "S'amor non è, che dunque è quel ch'io sento?", uno tra i suoi sonetti più celebri contenuti nel Canzoniere.)

L’amore in questo lavoro ha un orizzonte più ampio. Scruta il rapporto tra uomo e natura. La società seduta sulle problematiche della salvaguardia del pianeta è convinta di avere tempo, immobile nel suo convincimento di immortalità. La sua posizione è statica (SEDIA). La natura invece, vive la morte come processo di vita e nuova rigenerazione. Il nido è una costruzione di sublime architettura che nel recuperare le pagliuzze, i rami secchi, le foglie crea la culla del nuovo divenire. L’uovo è rinascita.

MORTE della società. VITA della natura che comunque si riprende i suoi spazi vitali, morendo e rinascendo perché la morte, come la vita fanno parte del divenire.





Borgo di San Lorenzo, Fossa, L'Aquila, giardini privati dei map.













 

Commenti